IL BACIO DELL’ANGELO CADUTO di Becca Fitzpatrick

IL BACIO DELL'ANGELO CADUTO
Titolo: IL BACIO DELL'ANGELO CADUTO
Categorie:
Genere:
Numero di Pagine: 333
Prezzo: € 17,00
Pubblicazione: 2009
Ero in conflitto con me stessa, perché cercavo di ignorare qualcosa che in realtà trovavo irresistibile...

Serie composta da:

1. Il bacio dell’angelo caduto, 2010 (Hush, hush, 2009)

2. Angeli nell’ombra, 2011 

3. Sulle ali di un angelo, 2011

4. L'ultimo angelo (Finale, 2012)

Becca Fitzpatrick è cresciuta leggendo Nancy Drew armata di torcia sotto le coperte. Quando non è impegnata a scrivere, passa il tempo procurandosi nuovi scaffali per povere scarpe abbandonate, correndo o guardando telefilm polizieschi in Tv. Il bacio dell'angelo caduto è il suo primo romanzo.

TRAMA:

Malgrado la sua migliore amica voglia trovarle un ragazzo a tutti i costi, Nora non ha mai messo l’amore in cima alle sue priorità. Almeno finché a scuola non arriva Patch. Lui ha un sorriso irresistibile e un inspiegabile talento per leggere ogni suo pensiero. E, malgrado gli sforzi per evitarlo, Nora sente che l’attrazione che prova verso il suo nuovo compagno è destinata a crescere. Anche contro ogni spirito di conservazione.
Perché Patch è un angelo caduto e lei non avrebbe mai dovuto innamorarsi di lui.
Sapere di trovarsi nel mezzo di un’antica battaglia tra Caduti e Immortali, sapere di dover scegliere da che parte stare potrà costarle la vita. La verità dunque è più inquietante di qualsiasi dubbio, e Nora non può sbagliare.

 A cosa mi serve un corpo, se non posso avere te?

 RECENSIONE E OPINIONI

Il bacio dell’angelo caduto è primo volume della quadrilogia: Hush, hush, inizialmente concepita da Becca come una trilogia.

Parto dicendo che la cover, prima del  racconto in sé, mi ha catturata al primo sguardo, troppo accattivante!!!

Narra, in prima persona e al passato, le vicende della teenager Nora Grey, classica diciassettenne tutta pepe.

Il suo professore di biologia costringe Nora, a sedersi accanto ad un ragazzo cupo e strano, che, però, pare sapere molto di lei.

Dopo un ribrezzo iniziale e un timore giustificato, Nora comincerà, però, a provare qualcosa per Patch, che si rivelerà diverso da tutti gli altri ragazzi. Patch è, infatti, un Angelo Caduto.

Non riuscivo a capire se fosse la stanza a essere gelida o se il gelo fosse dentro di me.

La Fitzpatrick predilige, i dialoghi a qualsiasi altro tipo di scelta narrativa, ne è davvero strapieno e questo ha fatto sì che il libro finisse in una volata. La scrittrice ha buon linguaggio e ha scelto descrizioni minuziose. Indubbiamente la fantasia non manca e i particolari sono stati interessanti ed azzeccati.

Insomma, questo è uno dei libri  Fantasy migliori che io abbia letto, non potete chiedere di più a questo libro.

Si potrebbe considerare auto-conclusivo, perché non lascia nulla appeso, ma ho una voglia matta di leggere il secondo volume.

E' normale che, curiosa come mi ritrovo, voglia sapere come continua la storia d'amore dei due protagonisti.

E' stata una lettura abbastanza leggera, scorrevole e semplice, con colpi di scena che incuriosiscono ancora di più il lettore e lo lasciano attaccato alle pagine. Non ho trovato nulla di superfluo nei dialoghi o nelle descrizioni, tutto molto fluido.

 Trovarlo era stato come trovare qualcuno che non sapevo di cercare

Nora è decisa, sa cosa vuole e fa di tutto per ottenerlo e Patch le lascia carta bianca. Al di sopra delle sue scelte, lui la corteggia, la protegge, la ama, anche sopra alla possibilità di tornare umano, ma decide di lasciarla libera di decidere, di ribellarsi e di amarlo a modo suo.
La storia d'amore è ovviamente il cuore pulsante del volume.

L’amore può davvero sconfiggere o accettare ogni cosa? l'amore è davvero il motore di ogni cosa?
Una storia enigmatica, fantasiosa, che non lascia spazio alle pause, alle riflessioni. Un racconto che porta il lettore fra loschi intrighi e verità difficili.

Una storia travolgente che io ho adorato e che consiglio vivamente a tutti gli amanti del genere Fantasy.

Successivo UN CUORE SEMPLICE di Gustave Flaubert

Commenta