LA CONSEGUENZA DELL’AMORE di Sulaiman Addonia

Per tanto tempo ho sognato di amare una donna, e ora mi sto innamorando dell’idea dell’amore.

TRAMA

Nella luce accecante del sole estivo, le strade di Jeddah sembrano un vecchio film in bianco e nero: le donne, completamente velate, sono ombre scure che vanno e vengono dalle loro case, mentre gli uomini indossano tuniche di cotone chiaro.

Per il giovane Naser, costretto a trasferirsi dalla natia Africa in Arabia Saudita per cercare lavoro, non è stato facile. Il caldo è insopportabile, gli amici sono partiti, è rimasto solo nell’autolavaggio in cui lavora. Nelle pause, cerca l’ombra sotto la sua palma preferita, scrivendo lettere alla madre lontana e sognando una bella quanto irraggiungibile attrice egiziana.

È dura per lui accettare una società che pone tanti ostacoli tra gli uomini e le donne, sempre sotto gli occhi della polizia religiosa che controlla ogni movimento sospetto.

Un giorno una donna velata getta ai suoi piedi un biglietto con una dichiarazione d’amore e promette di ritornare indossando delle scarpette rosa acceso, in modo che lui possa riconoscerla fra tutte le altre donne. Di messaggio in messaggio, clandestinamente, nasce tra Naser e Fiore un sentimento accompagnato da una tensione erotica sempre più difficile da tenere a freno.

Finché in un momento di leggerezza i due amanti si lasciano condurre in un pericoloso vicolo cieco di desiderio. Infatti, in Arabia Saudita le relazioni tra uomini e donne non sposati sono proibite, talvolta perfino punite con la morte e il loro amore, profondissimo ma illecito, dovrà ben presto affrontare la prova più dura di tutte…

OPINIONE E RECENSIONE

Una storia davvero intensa quella che ci propone questo scrittore esordiente. Non mi aspettavo tanto da questo romanzo, eppure mi ha donato un significato enorme da metabolizzare.

Da dietro, l’unica cosa che potevo vedere bene era il tacco di media altezza che spuntava sotto l’abito. A un tratto lo scenario in bianco e nero di via Al-Nuzla si colorava. Era come se un paio di fenicotteri rosa fosse giunto da una lontana isola tropicale.

La vita a Jeddah scorre severamente sotto l’occhio vigile delle guardie: uomini rigidamente separati dalle donne, impossibile comunicare con l’altro sesso per qualsiasi cosa.

Ognuno svolge i propri compiti, ma in modo separato, senza toccarsi o parlarsi, l’unica cosa che un uomo e una donna eseguono insieme è forse “l’accoppiamento” perchè di amore non si può parlare.

L’amore vero è quello che vuole provare ad ottenere a tutti i costi Naser, e la sua bella Fiore. La ragazza dichiara il suo amore attraverso un bigliettino che accartocciato che lancia ai suoi piedi di nascosto.

Ma chi sarà questa ragazza che dice di averlo visto e amato al primo istante? Come riconoscerla in un paese dove tutte le donne sono coperta da capo a piedi?

Anche lei, come me, viveva una vita non sua attraverso ciò che leggeva, traendo nutrimento e ossigeno da pagine scritte in una terra lontana. Vivevamo una vita d’importazione. perchè siamo qui?

Libro che si fa leggere senza troppi sforzi. La storia d’amore è intensa e allo stesso tempo delicata, ricca di poesia e di tenerezza.

Ciò che colpisce il lettore è sicuramente l’ambientazione: la rigida separazione tra uomini e donne, la religione che guida e comanda le persone, la polizia che controlla tutto quello che esula da un comportamento osservante e castigato, nessuno svago e nessun contatto con persone diverse, libri proibiti.

Come potremmo vivere in un posto senza nessun libro? sicuramente anche io come i protagonisti vivrei di libri importati clandestinamente!!!!

Fiore e Naser devono far fronte ogni giorno alle minacce della polizia religiosa che cerca continuamente di coglierli in fallo.

Naser deve invece anche respingere le avances degli uomini (ignoravo che in Arabia Saudita l’omosessualità fosse la conseguenza del fatto che uomini e donne non si possono incontrare fino al matrimonio… )
Un romanzo davvero molto istruttivo sulla vita quotidiana in Arabia Saudita.

Ora non vi svelo più nulla, ma vi invito a recuperare questo libro perchè è davvero una rivelazione e un libro che non può mancare nelle vostre librerie.

Precedente "Regalami una stella" di Katie Khan Successivo Capodanno in giallo AA.VV.