BEASTLY di Alex Flinn

 

 

Titolo: Beastly

Autore: Alex Flinn

Editore: Giunti

Pagine: 384

 

«Due petali, due anni per trovare una persona che guarderà al di là della tua repellenza e saprà vedere qualcosa di buono in te, qualcosa da amare. Se ricambierai il suo amore e se lei ti bacerà per dimostrarlo, l’incantesimo sarà rotto e tu ritornerai a essere bello. Altrimenti resterai per sempre una bestia».

 

TRAMA

Kyle Kingsbury è ricco, bello e popolare. A scuola è considerato quasi un divo, è abituato a prendersi gioco di tutti e quando arriva Kendra, una ragazza fuori dagli schemi ed emarginata, decide di farle un terribile scherzo.

Non può sapere che lei, una strega sotto mentite spoglie, lo maledirà per la sua crudeltà, tramutandolo in una bestia. Orribilmente deturpato, Kyle è costretto a vivere isolato nell’appartamento in cui il padre l’ha confinato per nasconderlo.

Due anni: questo il tempo che Kyle ha per spezzare l’incantesimo, e l’unico modo è innamorarsi ed essere ricambiato. Altrimenti rimarrà così per sempre.

 

 

OPINIONI E RECENSIONE

La trama è particolarmente fedele alla favola che tutti conosciamo, ovviamente ricalcata in un’ambientazione nella New York del nuovo millennio. E nonostante la magia nel libro, quest’ultima viene vissuta con molta più naturalezza di quanto si possa fare nella realtà.

A volte, anche se si conosce sia l’inizio che la fine di una storia, ci si può ancora sorprendere con l’evoluzione della trama, e cosí é successo a me.

Ho letto questo libro in pochissimi giorni, mi ha preso davvero tanto e non sono riuscita a staccarmi dalle sue pagine e così sono subito arrivata alla fine. Beastly è riuscito letteralmente a catturarmi!

Devo essere sincera, prima di leggere il libro ho visto il film, ma a mia discolpa posso aggiungere che non sapevo che esistesse il libro, e pensavo che fosse una delle tante trasposizioni cinematografiche degli intramontabili classici..
Comunque é tutta un’altra cosa. Belli entrambi, ma a parte i nomi e alcuni fatti principali non sembrano neanche la stessa storia.

Troppe modifiche apportate e molti tagli di eventi accaduti.

Tanto x dirne una, nel film il ragazzo diventa solo pieno di tatuaggi e pezzi di metallo. Molto strano da vedere, ma nel libro invece é una bestia a tutti gli effetti con tanto di artigli..
Ma basta con la digressione cinematografica, torniamo al libro.

Beastly è il titolo azzeccato per questo libro, è la vera essenza dell’intera storia, tutto ruota intorno a questa unica parola.

Non indica soltanto l’esteriorità e l’aspetto fisico, ma soprattutto il carattere, l’essere talmente senza cuore e crudeli da essere una “bestia”.

Inizialmente ho davvero odiato l’ essere “io sono perfetto, e tu sei un niente” di Kyle e sono pure felice della sorte che gli è toccata, se l’è meritata davvero.

Una persona cinica, egoista, materiale, bugiarda, irrispettosa, arrogante, ma in fondo una persona sola e in cerca di sé stesso.

Kyle, infatti, dopo il suo milionesimo atto di arroganza e di superiorità verso le persone, viene punito da una strega, che decide di trasformarlo in una bestia!

Beastly è una rivisitazione della famosa storia de “La bella e la bestia”, però in questo libro la storia è raccontata dal punto di vista del ragazzo, piuttosto che dalla parte femminile e ciò lo rende originale.

Vedremo la vita di Kyle cambiare completamente, essere abbandonato da tutti, ma per fortuna due persone rimangono con lui, oltre alle sue amate rose.
Per due terzi il libro tratta della vita di Kyle, prima e dopo l’incantesimo, senza dare molta importanza
a nient’altro. Solo nell’ultima parte del libro si parlerà di amore..

si parlerà dell’amore vero, quello che non si ferma alle apparenze, ma che va in fondo, dando importanza soltanto all’essere di una persona e non all’esteriorità.

La stile è molto semplice, usa infatti un linguaggio giovanile e moderno..
Mi é piaciuta molto l’inserimento della chat – terapia, che spezzano il ritmo del racconto in modo da non annoiare troppo e strappando qualche sorriso.

I personaggi sembrano, a mio avviso, molto realistici e contemporanei e tante volte ci si impersona in essi senza nemmeno accorgersene.

Ricercata attenzione è stata quella dell’autrice per i piccoli particolari, tra cui i nomi delle rose che ho apprezzato particolarmente e le citazioni di libri classici.

 

Il libro come la fiaba, ha una morale: mai fermarsi alle apparenze!

Ho apprezzato molto il messaggio che l’autrice trasmette: un’attenta riflessione su come, nella nostra società, l’apparenza e l’aspetto fisico abbiano maggior importanza rispetto alla bellezza interiore.

Consiglio questo libro a coloro che vogliono leggere una storia riflessiva, fantasiosa, moderna, con qualche tocco di simpatia e leggerezza . .

Precedente UNA FARFALLA A META' di Ivan Folli Successivo IL LIBRO DEL TAO, TAO-TEH-CHING